Scuola dell’Arte della Medaglia


La Scuola dell’Arte della Medaglia dell’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato fu istituita dal Ministero del Tesoro nel 1907, anno in cui si volle creare a Roma, presso la Regia Zecca, un istituto d’alta specializzazione sulle particolari tecniche dell’incisione e del bassorilievo.

Tale realtà fu determinata dal dibattito sviluppatosi agli inizi del Novecento sulla qualità artistica delle monete del Regno d’Italia e dalla formazione della Zecca dell’Italia unita, che rilevò la necessità di rinnovare, nei valori e nelle immagini, la “nuova” monetazione italiana. Si posero diverse esigenze sia dal punto di vista iconografico sia tecnico, poiché in quegli stessi anni i sistemi di produzione industriale della moneta erano in rinnovamento. Si evidenziò il bisogno di avere un luogo per formare giovani artisti in grado di creare «l’immagine artistica della moneta», conoscendo a fondo, nel contempo, le caratteristiche tecniche della coniazione.

Il 1908-1909 fu il primo anno d’attività; Giuseppe Romagnoli fu il direttore e insegnante di modellazione e Luigi Giorgi, capo incisore della Zecca, fu il primo docente d’incisione. Dal 1911 la Scuola ha sede in un’ala appositamente progettata nel “nuovo” palazzo della Zecca in Roma. Fu infatti realizzato un articolato organismo innovativo: la Zecca, “fabbrica delle monete”; la Scuola dell’Arte della Medaglia, luogo di istruzione, laboratorio d’arte; il Museo della Zecca, deputato alla divulgazione e conservazione. Da quel tempo si sono succeduti nell’insegnamento grandi maestri dell’arte della medaglia e della moneta e molti allievi hanno poi avuto un’importante carriera artistica in diversi settori. Laura Cretara ha a lungo diretto la Scuola e tutte le attività artistiche collegate, dal 1976 al 2004, sviluppando la struttura con un lavoro tenace e concreto. Sono state aggiunte, man mano, nuove attività, oltre agli insegnamenti istituzionali di disegno, modellazione e incisione a taglio diretto, realizzando un percorso completo e di valore che include: tecnica dello sbalzo e cesello, modellazione in cera, smalto a grande fuoco, formatura, progettazione e modellazione tridimensionale, storia dell’arte, tecnologia dei materiali, computer grafica applicata, restauro, incisione calcografica a bulino, incisione di pietre dure, microformatura.

Sin dall’origine, ai corsi triennali si accede con un concorso di ammissione e possono partecipare alla selezione i giovani in possesso di un diploma di istruzione artistica. Ogni anno sono accolti dodici allievi; la Scuola è totalmente gratuita. L’antica finalità si è ampliata allo studio e all’applicazione delle tecniche artistiche legate alla lavorazione del metallo. Tutte le attività si indirizzano a formare un artefice, in cui la perizia tecnica e l’esecuzione corrispondono all’ideazione e al progetto, ricercando lo spirito della “bottega” nella sua accezione positiva: laboratorio di idee in cui la formazione si realizza con la produzione-creazione di un oggetto.

Negli anni si sono realizzati progetti che hanno superato le piccole dimensioni della medaglia. Nel 1997, la Scuola, con le Officine della Zecca, ha realizzato la copia del monumento di Marco Aurelio attualmente sulla piazza del Campidoglio a Roma; nel 2011 per l’Eureloy e Università degli Orefici, Gioiellieri, Argentieri della città di Roma, il busto in argento di Sant’Eligio, ispirato all’opera del 1628 nella chiesa di Sant’Eligio degli Orefici.

Documentazione ripresa da scuolemestieridarte.it

Share with:


Scuola dell’Arte della Medaglia
Via Principe Umberto, 4
Roma, 00185
Italia

Lascia un commento

Connettiti con:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *